Cerca

SOCIETA' ITALIANA DI MEDICINA ESTETICA (SIME)

Tatuaggi nell'anziano, se ne parla
durante il 38esimo congresso Sime

Il professor Severino Persechino e la professoressa Antonella Tammaro, dermatologi e professori dell'università di Roma la Sapienza, ci raccontano in breve la sessione dedicata ai tatuaggi

8 Maggio 2017

0

"I tatuaggi sono ormai una forma di comunicazione" sostengono il professor Severino Persechino e la professoressa Antonella Tammaro, dermatologi e professori dell'Università di Roma la Sapienza presso l'azienda ospedaliera Sant'Andrea, durante la breve presentazione di una delle sessioni - quella appunto dedicata interamente ai tatuaggi - che andranno a comporre il 38esimo congresso della Società italiana di medicina estetica (Sime), intitolato 'La nuova età del benessere - il progresso della medicina estetica rigenerativa'. Non bisogna tuttavia scordare che ci sono dei rischi da non sottovalutare quando si decide di tatuarsi: chirurghi, allergologi, medici estetici e psichiatri ma anche tatuatori e piercer ne discuteranno durante il Congresso. Ma la vera novità di quest'anno è il tatuaggio nella terza età.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Coronavirus, Milano non si ferma: riapre il Duomo, i primi a entrare 4 giapponesi

Matteo Salvini replica a Giorgia Meloni: "Continua a parlare di inciuci, ma noi facciamo solo proposte"
Coronavirus, Nicola Zingaretti fa il simpatico: "L'assembramento intorno a me è a rischio, non tossite"
Coronavirus, video-messaggio dall'hotel di Alassio: "Primi giorni infernali, le istituzioni spaesate"

media