Cerca

Furibondo

Vittorio Sgarbi denuncia Barbara d'Urso dopo il Live: "Io cafone? Ti insegnerò l'educazione in tribunale"

24 Febbraio 2020

1
Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi torna sulla lite che ha avuto con Barbara d'Urso durante il Live di Canale 5. E non abbassa i toni, anzi minaccia una denuncia: "Un ospite non si caccia mai, imparerai la buona educazione in tribunale". Ma riavvolgiamo un attimo il nastro e cerchiamo di capire cos'è successo. Parlando de La Pupa e il Secchione, il reality appena terminato su Italia 1, Sgarbi ha detto che le era stata raccomandata una delle ragazze e la d'Urso lo ha definito "cafone". Da qui è partita la lite che ha fatto il giro del web e che si è arricchita di un nuovo capitolo tramite il video pubblicato da Sgarbi. Il quale non va per il sottile con la conduttrice di Mediaset: "È maleducata e non è in grado di condurre se non creando situazioni di conflitto inutile. Mi ha dato del cafone e mi ha detto 'ti caccio a calci nel c***', ma come si permette. Se non capisci l'italiano, non fare trasmissioni in cui vuoi moralizzare il mondo. Per raccomandato intendevo che mi era stata segnalata una ragazza bella e brava, come ti raccomando Manzoni, Leopardi o Dante. La d'Urso - chiosa Sgarbi - studi e impari a fare la conduttrice".

Per approfondire leggi anche: "Vai a fare in c***, tu e la tua vita inutile"

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franco.rinaldin

    27 Febbraio 2020 - 07:22

    Sgarbi ora fa baruffa anche con la D'Urso che tiene su con successo tutto il pomeriggio di Canale 5: ma quand'è che cacceranno Sgarbi a calci nel sedere??? Grazie. Rinaldin Franco

    Report

    Rispondi

Coronavirus, Milano non si ferma: riapre il Duomo, i primi a entrare 4 giapponesi

Matteo Salvini replica a Giorgia Meloni: "Continua a parlare di inciuci, ma noi facciamo solo proposte"
Coronavirus, Nicola Zingaretti fa il simpatico: "L'assembramento intorno a me è a rischio, non tossite"
Coronavirus, video-messaggio dall'hotel di Alassio: "Primi giorni infernali, le istituzioni spaesate"

media